lunedì 22 maggio 2017

Naruto: top & flop!

Un bel giorno mi sono detta, massì, è proprio il momento di cominciare qualche bello shonen-beautiful per tornare a sentirsi un giuovine virgulto e per avere giusto quel capitoletto al giorno o a settimana di avventure e mazzate. Il prescelto, in questo caso, è stato Naruto, manga di Masashi Kishimoto che ha riscosso un grande successo fin dal suo esordio su Shonen Jump nel 1999.
Morale della favola? Ho finito 72 volumi in circa due mesi, spronata anche dal poterlo commentare con diversi amici che lo avevano già letto o che lo stavano leggendo con me.
Trattandosi di una serie molto famosa, ho deciso di organizzare il post in modo più "chiacchiericcio" rispetto al solito, giusto per condividere qualche impressione con voi.
Inserisco giusto una trama molto generica per dare un'infarinatura generale a chi non conosce la serie neanche per sentito dire, sempre che quel qualcuno esista XD

Naruto è un orfano che vive nel villaggio della Foglia (Konoha), bistrattato da tutti perchè a sua insaputa (almeno all'inizio) custodisce il potere della Volpe a Nove Code, bestia potentissma che distrusse il villaggio 12 anni prima dell'inizio del manga. Il ragazzino cresce da solo (e di questo poi ne parliamo!) e ne combina di tutti i colori per attirare l'attenzione degli adulti e degi altri bambini, andando solo a peggiorare la situazione. Dietro la sua sfacciataggine e la sua iperattività, però, c'è il grande sogno di diventare Hokage (cioè capovillaggio) perchè l'Hokage è colui che ottiene il riconoscimento di tutti per le sue imprese. Seguiremo quindi Naruto nelle sue avventure, accompagnato da Sakura, una compagna per cui ha una cotta ma che è innamorata di Sasuke, il terzo ragazzino che farà squadra con Naruto e che, a causa di un tragico passato, sarà spinto dalla sua sete di vendetta a lasciarsi sedurre dalle promesse di potere di Orochimaru che, come anche gli antagonisti che seguiranno, punta alla distruzione di Konoha (ma lui solo per sfizio, perchè in realtà il suo obiettivo è infastidire i bambini al parco giochi). Riuscirà Naruto a riportare Sasuke sulla retta via e a diventare Hokage? Le sue avventure ci condurranno fino a delle scottanti rivelazioni sulla creazione stessa delle arti ninja! (Che nessuno aveva richiesto...) Dite che ora mi prenderanno per fare i riassunti della Mediaset?

Ecco 5 cose che mi sono piaciute e altre 5 che invece... meh!

Cominciamo dai 5 PRO:
 
 
1. La caratterizzazione di un buon numero di personaggi è piuttosto credibile, in particolare nella prima fase del manga, quando i ragazzi sono ancora 12enni. Ogni ragazzino/a ha le sue caratteristiche ed è facile che un lettore loro coetaneo si immedesimi in loro, tenendo sempre presente le esagerazioni tipiche del genere.
Penso sia proprio per questa ragione che i primi arc del manga siano tra i più amati.
Dopo il salto temporale, però, molti personaggi diventeranno dei panchinari e spesso
l'autore ne inserirà degli altri che sono utili per le loro abilità, ma sono un po' insignificanti (penso per esempio alla squadra Taka, che accompagna Sasuke più avanti, o ai vari assistenti degli Hokage).
Anche alcuni adulti hanno piuttosto spazio, soprattutto Kakashi. E' stata una bella scelta quella di mostrare la differenza di prospettive tra adulti e bambini, dando modo anche ai lettori più grandicelli di poter osservare da una prospettiva più matura le vicende principali.
Comunque mi sono affezionata a molti personaggi, Naruto compreso, contro ogni mia aspettativa! In genere non amo i protagonisti, ma la sua testardaggine (molto adolescenziale, perchè ammettiamolo... qualsiasi adulto ad un certo punto avrebbe mandato Sasuke a quel paese, altro che rincorrerlo in capo al mondo!) e la sua ingenuità mi hanno fatto tenerezza.

2.  Lo stile di disegno. Kishimoto parte fin da subito con un tratto ben definito, andando a migliorare sempre di più e distaccandosi dal modello iniziale, più vicino a Toriyama. E' un tratto pulito, netto nei bianchi e neri, dalle linee morbide e semplici. Le tavole sono sempre molto organizzate e precise, senza fronzoli. Questo rende la lettura veloce e intuitiva anche per chi magari ha meno dimestichezza con i manga. Anche il design dei personaggi è molto curato ed è facile distinguerli. Pur inserendo elementi particolari che li rendono riconoscibili, però, non sfocia mai nell'assurdo come altri suoi colleghi. Lo stesso Orochimaru, quando non fa le smorfie da anaconda, ha un design abbastanza semplice ma d'effetto, se non fosse per il suo dubbio fashion sense... (quel fiocco da Hello Kitty abbassa notevolmente il livello del suo carisma XD). Altro elemento che non gli perdonerò mai sono quei dannati sandali da turista tedesco, davvero poco funzionali XD Chissà quanti ninja ci hanno lasciati per aver sbattuto il mignolo ç_ç alcuni vanno anche in giro con la pancia di fuori... 
Il design dei mostri invece sarebbe da migliorare... i rospi e i serpenti sono molto fighi, mentre le bestie delle code, fatta salva la Volpe, sono piuttosto insignificanti e indecifrabili.

3. Mi è piaciuto molto che la storia sia iniziata da subito, senza stancare il lettore con troppi capitoletti autoconclusivi (a differenza di Katekyo Hitman Reborn, per esempio). Sembra che Kishimoto sappia fin dall'inizio dove vuole andare a parare e collega bene tutti gli arc narrativi... fino a un certo punto, almeno (ma di questo ne parliamo nei Contro!).
4. I piani di alcuni antagonisti sono interessanti e la loro particolarità è che, secondo le loro mentalità contorte, agiscono per ottenere la pace nel mondo ninja. Sono tutte un po' Miss Italia nel cuore. <3 Proprio per questo a volte ci si trova in difficoltà nel detestarli. Discorso diverso per Orochimaru, che invece agisce per puro interesse personale... ma lui lo si ama a prescindere, con quell'aria da transessuale pedofilo mancato XD
Ditemi se non è adorabile <3
5. Il ritmo della storia è molto scorrevole, almeno fino alla conferenza dei 5 Kage, e gli scontri non sono mai troppo lunghi e non sono neanche basati sulla mera forza bruta, ma c'è anche una strategia alla base che li rende più interessanti, dando così l'idea che ogni personaggio possa ritagliarsi un ruolo nel piano d'attacco proprio grazie alle sue abilità che, in solitaria, potrebbero risultare difficili da sfruttare. Confesso che non sono una grandissima fan dell'azione pura, ergo, mi sfugge ancora il funzionamento di qualche tecnica... °°"

Andiamo ai 5 CONTRO 

1. Se è vero che Kishimoto riesce a creare delle psicologie credibili, ci sono tuttavia alcuni casi in cui la struttura scricchiola. La storia di Itachi, per esempio. Sono riuscita a prendere in simpatia questo personaggio soltanto dopo molte aggiunte al suo flashback che hanno, in qualche modo, giustificato il suo comportamento e lo hanno reso davvero una "vittima", o comunque un soldato a cui era stato fatto il lavaggio del cervello. Però ce ne sono voluti di rimaneggiamenti del personaggio per arrivare a farmelo considerare rispettabile, nonostante molti lo definissero tale! Sempre parlando di Uchiha, anche Sasuke non è messo benissimo perchè cambia idea in modo troppo drastico e repentino per i miei gusti. Sarà anche che Sasuke mi sta sulle balle, con il suo complesso da "io sono più speciale di te" (sì, lo dice davvero! Ha la sindrome dello "special snowflake"!)
Fin qui, tutto sommato, potrebbe dipendere dalle mie preferenze, mentre con i personaggi

femminili si scopre il tallone d'Achille del mangaka; si fa presto a rendersi conto che le donne in Naruto, pur non essendo da meno ai ragazzi in quanto ad abilità ninja, si trovano sempre un passo indietro: non hanno ambizioni personali che non siano in qualche modo connesse a una persona di cui sono innamorate e sembrano, quasi sempre, meno consapevoli rispetto ai maschietti, qualche volta anche per loro stessa ammissione. Quando ci sono retroscena interessanti, coinvolgeranno sempre di più i personaggi maschili. La stessa Tsunade, che diventerà Hokage, lo fa solo in memoria delle ambizioni del fratello e del fidanzato, altrimenti non avrebbe mai accettato il titolo. Pare che in Boruto (sequel tutt'ora in corso), invece, per la prima volta ci sia una donna che punta volontariamente al ruolo di Hokage. Che si voglia mettere qualche pezza?

2. Per quanto apprezzi i cattivi "non del tutto cattivi" e la tendenza di Naruto a risolvere le questioni importanti con dei confronti verbali, per capire le reciproche motivazioni, ho trovato un po' troppo buonista il fatto che bastino cinque minuti di confessionale con Santo Naruto Uzumaki Martire per far desistere la quasi totalità dei nemici dal mettere in pratica piani su cui lavoravano da anni, se non da decenni! Se proprio voleva risolvere così le questioni, avrebbe dovuto accorciare gli scontri che precedono questi confronti, in modo tale da creare un climax appropriato, invece che discendente. Naruto converte più antagonisti di Don Matteo, insomma. Nel nome del chakra, del quarto hokage e della nindo, Amen.


3. Nonostante i vari avvertimenti sulla discesa qualitativa finale, non posso non dirmi delusa dalla piega presa dalla riunione dei 5 kage in poi. Di per sè, questa parte è anche interessante, ma gli scontri ad essa collegati sono stati tirati per le lunghe inutilmente e per di più sono tra personaggi di cui non ci frega nulla. Questa parte però la lascio anche scivolare via senza troppe lamentele, perchè per me il vero declino è dopo la comparsa di Madara. Il boss finale è stato davvero insignificante, tirato fuori dal cilindro e superfluo. Il
bello degli antagonisti per me è capirli quando sono "ambigui" o detestarli se sono cattivi fino al midollo. In questo caso, l'antagonista sembrava solo un grosso fastidio ma non si provava ansia nè per le sue sorti nè per quelle del mondo (perchè tanto si va sempre a parare con la distruzione del mondo, anche quando non c'entrava nulla con la storia precedente). La faccenda del cattivo finale che vuole distruggere tutto non rende, perchè il lettore sa che dopo 72 volumi Kishimoto non distruggerà proprio un bel niente! Al massimo si poteva temere per la vita di qualche personaggio, ma non è neanche un mangaka a cui piace falciare personaggi in quantità (ma inutilmente sì... ç_ç). Sarebbe stato meglio fermarsi qualche passo prima, risparmiando al lettore una guerra finale... infinita!

4. A Kishimoto piace darsi la zappa sui piedi. Ci sono dei buchi di trama, in Naruto, che sono piuttosto imperdonabili perchè riguardano proprio il protagonista. Una delle prime domanda che ci si pone leggendo, infatti, è: chi cavolo ha cresciuto Naruto? Ci viene mostrato che vive completamente da solo, salvo qualche visita degli insegnanti, e se parliamo di un ragazzino di 12 posso anche chiudere un occhio, ma prima? Ha perso i genitori da neonato, ma non ci viene mai detto dove e con chi sia cresciuto e no... un neonato non può essere autosufficiente neanche se è "il prescelto"! è_è Altro discorso alquanto lacunoso è: se tutti sapevano che la Volpe è stata inserita in Naruto alla nascita e che quindi non è stato lui a scatenarla sul villaggio (ergo, sanno che Naruto non è effettivamente la Volpe, ma solo il suo contenitore), perchè trattarlo da schifo, quando lui stesso non sa neanche di avere questo potere? Perchè rendergli la vita difficile se l'unico risultato sarebbe stato quello di aizzare lo spirito? Ma soprattutto, se tutti considerano suo padre, che si è sacrificato per salvare il villaggio dalla Volpe, un eroe, perchè bistrattare il figlio orfano di un eroe? Conclusione: in questo villaggio sono tutti dei bastardi! ò_ò
Un'atra zappa (più piccola) se la dà quando il maestro Kakashi spiega a Naruto la questione delle tecniche legate agli elementi. Kakashi spiega che combinandoli, vengono fuori poteri particolari legati agli elementi base. Per esempio: acqua + terra = legno/vegetazione. Quando Naruto chiede l'origine di altri poteri, come l'ombra di Shikamaru, Kakashi dice che ne parleranno dopo. Inutile dire che questa questione non viene più ripresa, quindi... perchè  metterla? XD
Poco gradita è stata anche la zappata finale della profezia. In generale lo trovo un pessimo espediente narrativo, ma in questo caso anche di più, perchè vanifica il mazzo che si è fatto il protagonista fino a quel momento con un "eh ma era tutto predestinato". Anche se i prescelti indicati da queste fantomatiche profezie cambiano ogni due pagine praticamente...
Quella definitiva però riguarda la storia di Jiraya e Pain. [SPOILER] Jiraya, dico a te, spiegami il senso di addestrare per metà un orfanello di un paese in guerra, per poi abbandonarlo a sè stesso, pur sapendo che aveva un potere leggendario e unico al mondo, senza neanche segnalarlo al villaggio o informarti sulla sua sorte. ò_ò [FINE SPOILER] Ma i personaggi buoni di Naruto ne commettono davvero tanti di questi "errori di calcolo" (per non dire cazzate cosmiche!).

5. Il romance, questo sconosciuto!  Fatti salvi Minato e Kushina, Zabuza e Haku (sì per me sono una coppia u_ù) e Shikamaru e Temari (che comunque hanno poche interazioni), le coppie finali sono  superflue (e su questo si può sorvolare), se non addirittura dannose


[SPOILER]
Se Hinata e Naruto sono tirati fuori dal cappello, almeno si rispettano a vicenda e non hanno mai tentato di uccidersi, mentre Sasuke e Sakura sono... semplicemente inguardabili. Questi due personaggi non si sono mai capiti, per non parlare dei vari tentativi di omicidio reciproco. Dovevano separarsi. Punto. Ognuno doveva crearsi la propria identità nella totale indipendenza. E' una coppia dannosa perchè sembra dire che "non importa quanto lui vi tratti coi piedi, se lo amate a oltranza prima o poi riuscirete a farlo vostro, ragazze <3". Un difetto dell'autore (a meno che non viviate negli anni '50) è che per lui vige l'equazione "matrimonio = felicità", per cui per dare un lieto fine a tutti li ha fatti sposare, quando in realtà alcuni personaggi avevano bisogno di ben altro! Ma no, bisognava farli figliare tutti insieme (a quanto pare le millemila coppie si sono messe d'accordo per concepire tutti lo stesso giorno ò_ò) così da averli tutti nel sequel! Sequel che tral'altro avrei anche letto con piacere, perchè i figli di molte coppie sembrano personaggi simpatici, ma rivedere certi genitori insieme mi fa imbufalire! è_è [FINE SPOILER]

Allegeriamo i rancori con... l'angolo gossip, dedicato a chi ha già letto il manga, in cui riverserò le mie ciarle sconnesse da fangirl impunita!
Allora *hem hem*
Ma quanto sono belli Zabuza e Haku? ç__ç Kishimoto ha gravi problemi con le coppie etero, ma quelle gay gli riescono alla grande! Non a caso, Naruto sembra più innamorato di Sasuke che di Sakura e no, io non sono una che shippa facilmente e senza motivo u_u. Anche se, a dirla tutta, non li shippo più di tanto perchè quell'emo inacidito di Sasuke non merita Naruto neanche come amico. Ma Naruto non se lo merita neanche Sakura, visto che l'ha preso in giro >_>" Per me si sarebbe dovuto mettere con Gaara, che almeno è l'unico che non lo considera un cretino o una seccatura e che gli vuole bene per davvero. Dico bene, signore mie? *si sventaglia*
Temari e Shikamaru mi sono piaciuti molto invece, sia come personaggi che come coppia. Lei inoltre è una delle poche figure femminili che non si fa lasciare indietro dai ragazzi e non è ossessionata dall'idea di impalmare qualcuno.
Tra le mie ship più becere, invece, ci sono Kakashi e Iruka (due personaggi che ho adorato, tra l'altro, e che un giorno si sposeranno, me lo sento èwé), e poi Hashirama e Madara.
I miei personaggi preferiti sono... parecchi: Kakashi, Iruka, Shikamaru (e suo padre <3), Sai, Suigetsu (inutile ma divertente), Orochimaru (per i suoi evidenti problemi XD e poi nel gioco è divertentissimo usarlo!), Hashirama, Rock Lee e qualche altro...
Il mio spirito guida invece è Choji, perchè quando era triste perchè pensava di non avere amici per via del suo peso, mi è scesa la lacrimuccia. Gioia di mammina (*3*).
il sadismo di Kishimoto non ha confini ç_ç
Consiglierei questa serie? Mah, tutto sommato sì, se piace il genere e se ci si rassegna a un finale bruttarello e qualche delusione sparsa. Se si considera però che molte altre serie sono crollate prima (mi dicono per esempio che Bleach ha avuto una sorte ben peggiore), tutto sommato Kishimoto si merita anche qualcosa in più della sufficienza per essere riuscito a resistere per bene per più di 50 volumi su 72 ad un livello più che dignitoso. XD Per le coppie finali invece... tante forchettate nelle gengive! è_è Capisco che nello shonen le vicende sentimentali passano in secondo piano, ma se ci sono vanno scritte come si deve o, se l'autore non è interessato a trattarle, meglio non metterle proprio!

4 commenti:

  1. Io non ho ancora cominciato a leggere il manga ma ormai so cosa aspettarmi.. xD
    Prima o poi lo comincio! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace lo shonen, almeno con la prima 40ina di volumi vai sul sicuro secondo me ;)

      Elimina
  2. Ciao! E' un bel po' che vorrei commentare questo post, ma il discorso sarebbe talmente lungo che ancora non ho trovato il tempo!
    In breve, condivido molte delle tue riflessioni (giusto su alcuni punti minori la vedo un po' diversamente) e alla fine mi è venuto in mente che potrei rispondere al tuo post scrivendone a mia volta uno di commento sulla serie. Al momento, non sto scrivendo quasi nulla su manga & anime perché ho tutte serie in corso (e vado poco in fumetteria), e magari questa potrebbe essere l'occasione.
    All'inizio avevo scartato l'idea di fare un post su Naruto perché, per la lunghezza della serie, pensavo di non avere il tempo per un'analisi approfondita, ma dopo aver letto il tuo post mi è venuto in mente che potrei scrivere qualcosa di (abbastanza) sintetico, proprio perché già in molti hanno detto la loro e chi ha seguito il manga sa benissimo quali siano i punti dolenti, e concentrarmi sul mio punto di vista, magari soprattutto se un po' controcorrente (in altre parole: a me le coppie finali vanno benissimo XD XD XD).
    Non so quando effettivamente riuscirò a scriverlo, ma ti farò sapere, così ci facciamo una bella chiacchierata.
    Un bacio (e grazie per lo spunto!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Sì che bello! *_* sono contenta di averti invogliata a scriverci su qualcosa e non vedo l'ora di leggere il tuo post ^^
      A me le coppie finali sarebbero anche potute andare bene se le avesse sviluppate un po' meglio in corso d'opera, però comunque sono curiosa di leggere pareri discordanti! Chissà, magari riesci a farmi cambiare idea :)

      Grazie a te! ^_^/

      Elimina