sabato 18 marzo 2017

A questo cavaliere hanno tagliato la testa, quello che succede dopo ha dell'incredibile

Prima di tutto, ringrazio la mia amica Cate(💕) per aver suggerito un titolo degno delle peggiori pagine Facebook clickbait.
Avvertenze: il seguente post contiene un alto tasso di idiozia, non essendo una recensione. E' tutto quindi altalmente (s)oggettivo!

Ci sono quei momenti, nella vita, in cui sento la necessità di colmare alcune lacune (o riempire alcune lagune, come scrisse una volta un ex alunno di mia madre), soprattutto se si tratta di argomenti di cui non puoi non sapere assolutamente nulla dato che Internet pullula di meme e riferimenti e, quindi, se non sai almeno due informazioni messe in croce non riesci nemmeno a goderti le parodie. Così, spinta dalle migliori intenzioni di questo mondo, le stesse che mi animarono a recuperare quel grandissimo classico shoujo che è Hokuto no Ken, ho deciso di recuperare un grande classico del boys'love, ovvero: Un'armatura dischiusa tra i petali del cosmo per Seiya.

E' inutile fornirvi informazioni basilari su questo titolo dato che lo conoscono anche i bambini nati ieri, essendo una serie che viene inserita nella memoria più recondita di ogni pargolo. Vi basti sapere che la serie classica è di 28 misericordiosi volumi (perchè ai tempi si aveva pietà delle tasche del lettore) ed è stata creata dalle manine sante di tale Kurumada. Kurumada non è un uomo comune: è un Artista, un dio del manga che ha rivoluzionato un genere, introducendo, per esempio uno degli elementi che ancora oggi viene ritenuto indicativo: la mancanza di proporzioni. Elemento che ha fatto scuola, se si pensa alla grandissima Shungiku Nakamura. 
Il mio rapporto con questo titolo non è mai stato particolarmente forte, dato che ho guardato solo alcuni spezzoni che mi hanno permesso di memorizzare alcuni personaggi e basta. Ai miei tempi infatti era già arrivato Card Capture Sakura, anni luce più esplicito. Ergo, i messaggi subliminali dei cavalieri per me erano obsoleti e stentavo a comprenderli, dato che potevo avere guance rubizze causate da inspiegabili attrazioni magiche arcobaleno. 

La serie è suddivisa in 3 arc principali che ci raccontano di questo gruppo di cavalieri intenti a combattere per la gonnella dispotica di una delle dee della giustizia più odiose del creato che, tanto per tener fede al Bene indiscusso di cui è l'incarnazione, costringeva poveri orfani più piccoli di lei a essere cavalcati (e purtroppo non nel senso sconcio del termine) come puledri per soddisfare le sue capricciose volontà da bambina pestifera. Questo è l'elemento scatenante per cui molti personaggi sono diffidenti verso le donne (classico trauma per fornire pretesti BL). Da questa scena in poi, ho capito che avrei tifato per lei sempre e comunque e che sarebbe stato il personaggio divino migliore in cui mi sia mai imbattuta. Avessimo noi un dio così magnan...ah già. Che Kurumada volesse essere crudelmente realistico?
Comunque, questi poveri picciotti sono inviati puntualmente a intraprendere un gioco dell'oca (con aggiunta di mazzate) per salvare la suddetta dea che ha sbagliato gioco ed è convinta di stare partecipando ad un mix tra nascondino e acchiapparello e che in realtà, munita della sua armatura, potrebbe fare quel cavolo che le pare e vincere sempre. Ma il mondo è giusto e quindi fa squartare tra loro dei ragazzini, costringendoli ad allenamenti mortali in nome del bene. E' lei la vera antagonista, ammettiamolo una volta per tutte. 
Il gruppo protagonista, disteso su un pavimento di vetro e inquadrato da sotto (...credo)
Il gruppo dei protagonisti è costituito da Seiya, il capobanda più insulso che mi sia trovata davanti. Manca Seiya? La trama va avanti lo stesso. Seiya è il tipico "eroe" che serve solo a dare il colpo di grazia, prendersi la gloria e ricevere raccomandazioni su raccomandazioni (unico mezzo per sopravvivere nella serie: piovono miracoli che nemmeno Walt Disney). Ci si chiede perchè sia stato scelto proprio lui, ma poi ci si chiede anche perchè gli uke di certi BL abbiano così tanti spasimanti pur essendo più banali di un piatto di pastasciutta e si comprende come, anche qui, Kurumada sia stato un pioniere del genere.
Il vero eroe del manga: il pigiama
di Seiya
L'unica cosa che fa Seiya è incaponirsi perchè vuole fare una cosa e TAC, quella cosa gli viene concessa perchè ci ha creduto tanto-tanto. Si è solo limitato a fare la stessa cosa a oltranza e sperare, a costo di usare i suoi compagni come scudi piuttosto che schivare (mi riferisco al finale della seconda saga). Non è neanche capace di tenere a freno il suo didietro nei momenti importanti!Poi abbiamo Shun, il protagonista morale della storia perchè ha almeno qualche legame con la trama principale e quel tanto di conflitto interiore che gli permette di sviluppare una personalità. Sono dell'idea che se fosse stato lui il protagonista, sarebbe stato un BL molto più bello. Cioè...l'uke è sempre protagonista no? E cosa c'è di più speciale di un uke che tende al reverse, come Shun? Il ragazzo infatti si distingue ed è lui a compiere il primo passo verso la conquista del suo seme, rimorchiando il compare del Cigno senza pensarci due volte grazie al collaudatissimo metodo Georgie (dice di usare il cosmo solo perchè pareva brutto così davanti a tutti...certi fetish non erano stati ancora sdoganati). Che poi, sfottono tutti lui per essere il più effemminato ma vogliamo parlare di Hyoga del Cigno?! Quell'uomo è appena uscito da un pride ma nessuno gli dice niente solo perchè va vestito di azzurro. Sessismo e ingiustizia dilaganti. Hyoga è il seme perfetto, con tanto di complesso familiare.
Poi abbiamo Shiryuu, il più fuori luogo di tutti in un BL visto che è dichiaratamente etero (è l'unico ad avere una fidanzata, ma penso sia un'aspirante suora dato che vive pregando). Shiryuu tiene molto alla sua virilità, così in mancanza di peli corporei (non sia mai!1!) si fa crescere i capelli lunghi, va in giro sempre a petto nudo ed è tatuato come uno yakuza uscito da un manga di Ikegami. 
L'ultimo della carovana, nonchè il mio preferito, è Ikki della Fenice. Mi piace perchè si fa i
Ikki ripensa al suo perduto amore, Esmeralda
pericolosamente identica a suo fratello Shun
fattacci suoi, tranne quando gli menano il fratello, e fin da subito lancia ad Atena un metaforico dito medio. Che poi lui è uno che all'uguaglianza di genere ci tiene, e questo mi piace. Nella sua burinaggine infatti è l'unico a pestare sia maschi che femmine senza distinzione, probabilmente perchè il fratello lo ha confuso così tanto che ha rinunciato a capire. Anche il fetish dell'incesto però non andava ancora per la maggiore, quindi Kurumada ha dovuto rinunciare a questo altrimenti felice connubio di maschianza.
Purtroppo però Kurumada è un autore molto casto e, fatto salvo qualche breve contatto fisico per dei colpi decisivi, non ci regala neanche quella pruriginosità derivante da uno scontro ravvicinato tra energumeni. In questa serie, infatti, gli scontri sono più statici di un duello in Yugioh: pose plastiche a go-go, manco fossero dei modelli, dato che quelli non li fanno stare spalmati a terra (o dispersi nell'universo) con il pugno alzato più grosso del loro busto e giusto 2-3 espressioni standard per dare l'impressione che i personaggi non abbiano tutti gli stessi lineamenti. Fortunatamente i capelli e le armature aiutano un occhio attento (quindi non il mio). Spezzo una lancia per l'idea delle armature smontabili, però, perchè sono un'idea molto figa e la loro realizzazione è certosina. Per il resto, sembra quasi che chiunque sia capace di disegnare i saints meglio del loro creatore e basta sfogliare i vari sequels e spin-off o un sito di fanart per accorgersene.
Ryoga lancia uno dei suoi colpi più
famosi: il pugno yaoi
Dopo la posa plastica, i contendenti si scambiano qualche parolina di rito e dicono i nomi dei colpi, commentando ogni singola azione propria o avversaria (come in ogni buon BL che si rispetti, infatti, l'amplesso va sempre commentato). Il primo colpo, quello che pensano sia il più potente, non riesce mai, ma poi vengono miracolati e vincono nel 90% dei casi, tranne quando Shun è dietro l'angolo pronto a riscaldarti. 
A proposito di colpi letali, la regola vuole che un colpo non funzioni due volte di seguito con un cavaliere. Qualcuno dovrebbe spiegare a Kurumada che anche la stessa trama ripetuta due volte non ha effetto su un lettore. Fortunatamente lo impara prima della terza saga, che è a mio avviso la più godibile.
Al termine della lettura mi sono convinta di alcune cose:
- Non bisogna mai credere a quello che dicono i cavalieri, perchè probabilmente cascano a tutti gli annunci di Wanna Marchi. Se ti dicono che un'armatura/una catena/uno scudo sono indistruttibili, non credeteci! Pura menzogna! A testimoniarlo, le innumerevoli frantumazioni dello scudo di Shiryuu, più cinese del suo proprietario. Non mi aspetterei tale ingenuità da un mago della truffa come lui, che ha trovato la prosperità con un'ivalidità fittizia. Il suo maestro però se n'è accorto e lo ha mandato comunque a combattere anche quando lui voleva solo coltivare la terra con la sua monaca preferita, godendosi la pensione di invalidità e la 104.
- Più potente sei e più ti pesa il culo: vedesi il cavaliere della bilancia che all'inizio lo giustifichi pure perchè sembra avere una certa età, ma poi scopri che era tutto uno scherzone e lui c'ha il cuore che batte più lentamente e quindi non invecchia (????).


- I cavalieri d'argento sono ausiliari part-time. Non ci sono mai perchè prendono le chiamate ai call centers probabilmente e nel resto del loro tempo scioperano.
- I cavalieri non brillano per arguzia, dato che succedono cose molto strane nel loro santuario ma loro zitti tutti. Distrazione nel migliore dei casi (per mantenere le armature lucide e i capelli in piega ci vuole tempo), omertà degna di un covo di mafiosetti di quartiere nel peggiore.
Il cavaliere del cancro vive qui dentro e nessuno gli dice nulla
...seems legit
Altra nota a sfavore del loro intelletto è che si meraviglino sempre del fatto che, toh, il cavaliere della FENICE torni sempre dalla morte messo meglio di prima. Nonostante ciò continuano a ucciderlo e a stupirsi quando ritorna, con la solita manfrina della sua sagoma (per altro riconoscibilissima) nell'ombra e il "ma...cos'è questo cosmo?!" Inutile prendersela con Ikki se rientra in scena sempre in questo modo: ti piace vincere facile? Ponsci ponsci popopo!
L'entrata in scena prediletta da
quella drama queen di Ikki
Lo stesso principio vale per i colpi di scena finto-gore in cui sembra che taglino la testa o qualcos'altro e nella pagina dopo era tutta un'illusione scherzona. Mi puoi fregare 2 volte, non ogni volta che ci provi. Tagliala davvero qualcosa una volta tanto, se vuoi mettermi paura.
Così come si ostinano a privare altri cavalieri dei 5 sensi pur sapendo che così li portano a migliorarsi. Masochismo? Io dico di sì!
Il motivo della mia insinuazione è che tutti i personaggi in questa saga sono votati al sacrificio creativo. Ogni occasione è buona per farsi ammazzare, che si tratti del più scrauso dei personaggi tipo l'assistente del cavaliere dell'Ariete, fino alla stessa Atena, campionessa indiscussa nel settore. Abbiamo un muro da abbattere? Bene! Seiya non vede l'ora di farsi lanciare come una palla di cannone per distruggerlo e morire da eroe. Il finale è dunque felice per lui, dato che ha coronato il suo sogno. Perchè andare a rovinargli la festa nei sequels? (Che non ho letto, se non su wikipedia). Il maestro in questo campo è però Shiryu, che non vuole solo morire, ma proprio mutilarsi continuamente (sempre perchè aspira alla sua fantomatica pensione d'invalidità! Un cieco vero non sa con quante mani si para un nemico nè fa le scale alla tua velocità, con o senza cosmo!).
E poi, andiamo alla convinzione che ha dato il titolo a questo post: Aldebaran del Toro è in realtà il cavaliere della testuggine! Guardate cosa combina dopo che gli "mozzano la testa" (giusto per ricollegarsi al gore-scherzone):

La cosa bella di questa striscia è che si può leggere all'infinito
in entrambi i sensi
Per concludere: è un BL molto casto, ma fondamentale nello sviluppo del genere. Purtroppo non c'è molto di esplicito, ma è figlio del suo tempo, che ci vogliamo fare?
La storia è ripetitiva in questo tira e molla continuo di mazzate (al 90% wi-fi) tra i cavalieri, che in confronto la trama di Junjou Romantica vanta più variazioni su tema. I disegni spesso sproporzionati non aiutano, così come non regalano molte giuoie la scarsa variazione nelle espressioni facciali e quella delle battute. Come se queste somiglianze non fossero abbastanza, anche per JR,  l'anime è migliore del manga (pur non avendolo visto tutto ci credo, perchè già dagli screenshot sembra disegnato mooolto meglio).

Davanti a tale bellezza, solo il silenzio!

19 commenti:

  1. Sto ridendo come una scellerata da 10 minuti ahahhaa.
    Hai fatto benissimo ad impostare l'articolo in questo modo divertente, perchè recensioni "serie" dei Saint Seiya ce ne sono fin troppe...tu invece hai parlato in modo ironico dei difetti (evidentissimi) , che l'autore ha con il disegno.

    La trama magari è un po ripetitiva, ripeto io il manga non l'ho mai letto ma difendo strenuamente la serie animata che reputo una delle migliori saghe in assoluto di questo tipo di manga :)

    Di manga sto seguendo solo Next Dimension, poichè è il naturale proseguo della serie di "Elysium" e per ora non esiste l'anime (ma spero lo facciano, a patto che abbia lo stesso chara design di Ade ed Elysium).

    Ancora complimenti eh.... Ikki x Shun 4evah :3 XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta di aver fatto centro allora!
      All'inizio avevo pensato di fare un post serio, ma le perle che regala kurumada sono davvero troppe XD ho preferito optare per una "stroncatura affettuosa" ^^
      Alla fin fine non sono una persona molto schizzinosa quando si tratta di disegno (ho apprezzato diversi manga disegnati "male"), quindi non è stato tanto quello a non convincermi.
      Fortunatamente la trama si è fatta più interessante nel terzo arc narrativo e sicuramente l'anime, avendo a disposizione tempi più lunghi, avrà impiegato più tempo nello sviluppo dei personaggi e degli scontri :)

      Penso mi prenderò una pausa dai Saints perchè ho altre letture a cui preferisco dare la priorità, ma non è detto che prima o poi non darò un'occhiata a Next Dimension ^^ anche se da quel poco che ho visto online, Last Canvas mi attira molto di più. Vedremo!

      Per Ikki e Shun manca solo il ribaltone che non sono veri fratelli e siamo a cavallo 8D

      Elimina
  2. 👏👏👏👏👏👏👏
    Anch'io continuo a tenermi la pancia per le risate 😂😂😂😂😂😂😂
    Parlo basandomi essenzialmente sull'anime, ma alla fin fine a me Seiya/Pegasus è stato sempre simpatico 😜😜😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. (che non c'entra un granché con il post) Anche tua madre è insegnante?

      Elimina
    2. Anche la tua lo è Hana. No perché tra Millefoglie figlia di prof e te (forse) figlia di prof, mi sentirei a disagio coi miei strafalcioni XD
      Seiya non mi sta antipatico, ma tendo sempre a non farmi piacere più di tanto i "protagonisti " (vale lo stesso per Sailor Moon, preferisco sempre gli altri ).

      Elimina
    3. Sono contenta di essere riuscita a farvi fare quattro risate! =^^=
      Magari nell'anime sono stati più clementi con Seiya e gli hanno dato una dignità da eroe fatto e finito XD nel manga è davvero da ceffoni e penso che in linea di massima sia quello che parla di meno XD In genere anche io preferisco i secondari, perchè possono lasciar spazio a storie più interessanti o hanno caratterizzazioni più sfaccettate.

      P.S: sì, anche mia madre è insegnante! Caroline non ti preoccupare per gli strafalcioni, che tanto io ne accumulo uno dopo l'altro XD

      Elimina
    4. Eh, si anche mia madre insegna (inglese per la precisione, così come mia sorella minore).
      Io mi vanto sempre di riuscire a riconoscere un insegnante in quattro e quattr'otto (ho avuto a che fare con troppi di loro sin da quanto sono bambina 😂), ma piano piano sto capendo che anche i figli di insegnanti hanno delle caratteristiche che si ripetono...

      Elimina
    5. I figli degli insegnanti scrivono benissimo, infatti vi invidio a voi due XD
      Oh che bello insegna inglese, molto molto interessante *_*

      Elimina
    6. La mia insegna italiano e latino invece :)
      Che bello! Insegnante d'inglese ;__;
      Anche io sono circondata da insegnanti lol mia mamma è l'unica in famiglia però.
      Ora sono curiosa di sapere quali siano le caratteristiche della prole però XD

      @Caroline: questa non la sapevo! XD grazie (*3*)

      Elimina
    7. Caratteristiche della prole degli insegnanti:
      - tendenza a prediligere attività sedentarie (lettura, guardare serie TV);
      - per lo più (ma non sempre) amanti dei gatti;
      - piuttosto diligenti e ordinati (sebbene esista sempre l'eccezione rappresentata da chi ha un atteggiamento ribelle per opporsi all'autoritá genitoriale);
      - capacità di adattamento (probabilmente dovuta all'aver interagito sin da piccoli con i tanti colleghi dei propri genitori: l'insegnante, sotto sotto, vuole essere compiaciuto, e frequentandone diversi esemplari, si impara l'arte di conquistare il favore altrui);
      - passione per cartoleria e cancelleria;
      - finiscono spesso con il fare i medici (reazione all'ipocondria dilagante tra gli insegnanti).

      Elimina
    8. Però! In molti punti mi ci ritrovo direi xD a parte le questioni della medicina e dell'essere ordinati (sono ordinata solo con alcune cose).
      Per il resto ci rientro alla grande! Non lo avevo mai notato ma penso che da ora in poi ci farò più caso :P

      Elimina
  3. No, vabbé sono MORTO!!! :-DDDDDDD
    Millefoglie grandissima! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grazie! *3* sono contenta di avervi fatto fare due risate! ^_^

      Elimina
  4. Sono offesa perchè non hai accennato alla scoreggia di Pegasus! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità sì, ma era molto velato ahah mi ci riferisco quando dico che Seiya non è nemmeno capace di controllare il suo sedere nei momenti importanti ;P
      Praticamente si è comportato peggio di Naruto, ma almeno quella di Naruto era involontariamente strategica x'D

      Elimina
    2. Aahahahah.. almeno tu sei stata fine e ci hai messo un velo! xD

      Elimina
  5. Capisco chi ama i Cavalieri dello Zodiaco...
    Ma penso che l'anime sia superiore al manga. Caso rarissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dell'anime ho visto ancora poco, ma credo abbiano saputo sfruttare le idee di base dei cavalieri meglio dell'autore stesso. E poi con il chara design non c'è proprio storia. L'anime è molto più accattivante ed elegante ^^

      Elimina