lunedì 5 giugno 2017

Haru wo daiteita: Quando il manga incontra la telenovela

Quando si parla di Boys'Love, sicuramente Haru wo daiteita è uno dei titoli che vengono consigliati più spesso, un vero e proprio cult del genere. Pur subodorando la telenovela sottoforma di manga, mi sono comunque decisa a recuperare questa serie, scritta da Youka Nitta e composta da 14 volumi, più un sequel (Haru wo Daiteita Alive) ancora in corso di pubblicazione. In realtà ho conosciuto prima lo spin-off di animazione Fuyu no Semi, di cui adoro la storia anche se tecnicamente e a livello di scrittura ci sono degli strafalcioni.
Al momento ho letto la serie principale (che ha iniziato la serializzazione nel 1999) e circa un volume e mezzo di Alive (non so a che punto siano arrivati ad essere sincera, ma se qualcuno ha informazioni mi faccia sapere!).


Haru wo Daiteita ci racconta della storia d'amore tra Kyousuke Iwaki e Youji Katou, due ex attori porno che riescono a debuttare con successo anche nel cinema "normale". Vediamo nei primissimi capitoli che tra i due vi è una forte rivalità, dovuta anche alla differenza d'età. Iwaki infatti ha qualche anno in più rispetto a Katou e questo lo porta ad essere (apparentemente) più maturo ma molto più insicuro del suo esuberante collega. In realtà, i due si mettono insieme già nel primo volume, quindi il resto della storia ruota attorno alla loro vita di coppia, alla loro situazione familiare e alla loro turbolenta carriera. Si potrebbe quasi dire che siano brevi arc autoconclusivi di qualche capitolo, motivo per cui può permettersi un sequel senza far storcere il naso, anzi!

Nel complesso... questa serie mi ha fatto ridere un sacco, anche se involontariamente. Le vicende raccontate magari sono plausibili, ma affrontate con uno spirito tragico da telenovela sudamericana che rende qualsiasi reazione umana over the top! Kato e Iwaki, ma soprattutto Iwaki, che è una fontana, sono due drama queen sempre pronte a gesti teatrali e dichiarazioni estreme. Per non parlare del fatto che la loro vita privata è continuamente fonte di rassegne stampa e non manca neanche il momento Maria De Filippi, quando Katou riceve una lettera da suo padre mentre è ospite in una trasmissione e la legge in diretta. Vi giuro, non ho mai riso tanto in vita mia con una serie che si promette grandissima serietà! 

Eppure... mi ci sono affezionata nonostante tutte queste follie, per un motivo molto semplice: Iwaki e Katou sono una bella coppia. Sono affiatati, comunicano (QUASI sempre) ed è molto meno netta quella divisione scolastica tra seme e uke, perchè si considerano alla pari in tutti i campi. Alla fine di una storia romantica magari ci si chiede: "ma la vorrei una storia così?" In Haru wo daiteita vien da pensare "quasi quasi...!" (certo, evitandosi tutte le loro rocambolesche avventure e gli episodi di disagio e... okey come non detto, forse terrei solo i soldi 😶).
Lo sentite l'angst galoppante
in questa illustrazione di inizio capitolo?
Mi fa piacere quindi notare che in Alive, SEMBRA che la Nitta e i suoi personaggi si siano dati una calmata... sarà l'età che avanza? Secondo me è probabile che col tempo la mangaka sia maturata e abbia messo da parte almeno alcune delle esagerazioni passate (davvero, se si togliessero le scene zozze non sarebbe molto diverso dalle tragedie che mettevo su io con le Barbie!) e abbia deciso di dedicarsi anche a temi più impegnati come il tentativo di rientrare nello stesso registro di famiglia, o i sordidi compromessi dello show business quando si è giovani attori emergenti. O almeno, ha promesso di farlo, ma è ancora presto per incensarla troppo. Se mi sapete dire come recuperare gli altri capitoli di Alive, vi ringrazio XD ormai ho sviluppato una certa dipendenza da questa serie... devo sapere fin dove riuscirà a spingersi LOL

Elementi positivi (almeno per i miei gusti, qui ogni testa è tribunale XD) sono le scene di vita quotidiana e, perchè no, anche quelle erotiche (non tutte... perchè puoi anche essere un dio dell'arte, ma se ci metti certi dialoghi viene sempre fuori una cafonata...), che sono forse tra le parti meglio disegnate della serie.
A proposito di disegno: lo stile della Nitta non mi entusiasmava affatto all'inizio, soprattutto per i volti e per la sua tendenza a disegnare i personaggi in pose plastiche anche quando stavano a casa in pigiama. Quest'ultimo elemento forse può piacere a qualcuno, ma io preferisco che si muovano in modo più sciolto. E' uno stile abbastanza spigoloso per il boys' love, e anche legnoso, ma con il passare dei volumi gli spigoli si vanno smussando e visi e corpi diventano più naturali e morbidi. In Alive, dunque, devo dire che non dispiace il risultato finale.
Ad essere legnosi non sono solo i disegni, ma anche i dialoghi. I personaggi della Nitta parlano come dei laureati in psicologia logorroici (anche quando sono intenti a tutt'altra attività *hem hem* tipo che mentre si sollazzano parlano di lavoro o del male di vivere). L'ho trovato inutilmente verboso! Cosa che può diventare inevitabile per alcuni generi, come lo storico, mentre in questo genere mi sembra doppiamente ridondante.
Nonostante tutto questo, ho imparato a voler bene a questa serie trashona (mi fa parlare l'effetto soap!) perchè, nonostante le esagerazioni, il dubbio fashion sense e una punta di ignoranza (non si capisce se un personaggio sia gay o trans perchè l'autrice sembra avere le idee confuse su questa faccenda, ma visti i tempi di pubblicazione non mi aspetto il miracolo...), c'è almeno l'intenzione di far passare messaggi positivi (forse?), per cui non me la sento di bocciare una serie che è stata scritta con queste premesse, nonostante la resa non sia delle migliori. 
E adesso... il vero motivo di questo post: 

BEST OF dei Momenti Trash! Rigorosamente classificati dal più disagiante a quelli più passabili... forse.

WARNING SPOILER VOLANTI:
Sta succedendo davvero?! XD
1. Amici e guardati. 
Un amico di Katou, infatuato di Iwaki, cerca di mettere i bastoni tra le ruote alla coppietta, ricattando quest'ultimo per averne dei favori di natura sessuale (Amicone, 'nzomma). Il piano geniale (rappresentato in una tavola che sembra uscita da un poliziesco) di Iwaki e di un terzo amico, che vuole risolvere la situazione, è quello di far riunire tutti nella stessa casa, facendo parlare Iwaki e l'Amico Ingrifato in una stanza sorvegliata da telecamere. Iwaki dovrà chiedere a Amico Ingrifato, di fargli da passivo, perchè se dovesse rifiutarsi vorrebbe dire che non sarebbe davvero innamorato di lui (WTF?!). Mentra parlano, ovviamente Katou scopre che sono insieme e si catapulta nella stanza insieme all'Amico Aiutante. Morale della favola: Iwaki (che solitamente è il passivo), per dimostrare quanto Katou lo ami e rispetti, se lo fa davanti agli amici! Che restano a guardare! E quando Amico Ingrifato fa per andarsene, perchè "è uno spettacolo troppo doloroso per lui", l'altro lo ferma e lo invita a restare perchè "Guarda la bellezza di quello che volevi distruggere!1!!". E quindi abbiamo due che trombano allegramente sul divano mentre altri due li fissano. HO PIANTO. 

Che pathos ragazzi!
2.  Casper
Ad un certo punto della serie, stanca del normale (?) slice of life, la Nitta ha deciso che doveva metterci di mezzo il sovrananturale:
La sorella di Katou sta per partorire. Dopo aver preso la scossa, Iwaki si comporta in modo strano e arriva a tentare il suicidio. Questo perchè... è stato posseduto dallo spirito del fratello mai nato di Katou, che doveva rinascere o come figlio di Katou o come di sua sorella. Potenzialmente sarebbe nato da Iwaki visto che riceveva il seme di Katou (sto davvero scrivendo questa roba?!), ma ovviamente non può partorire, quindi il piccolo Casper voleva liberarsi di nuovo (tentando di uccidere Iwaki) per rinascere nel nipotino. @_@ 
Alla fine, Katou porta Iwaki in ospedale e l'anima si trasferisce nel bambino... o almeno, questo è quello che ho capito io dalla storia che, in tutta onestà, era un delirio XD E' stata dura scegliere quale mettere sul podio tra queste due scene, ma a questa ho dato il beneficio del dubbio che fosse qualche richiesta per un numero speciale della rivista. (SPERO!)

3. Il pelo pubico del destino
Sapevate che i peli pubici possono essere dei salvavita?
Katou deve girare un film in Medio Oriente e, per via di un gioco di parole, si arriva alla conclusione che se ne va portandosi dietro un pelo pubico di Iwaki infilato in una busta e che, gli dice, userà come segnalibro. Fun fact: tentano di sparare a Katou alla premiere di un film (in Giappone, non in Medio Oriente XD) e io quasi speravo che il pelo magico deviasse il proiettile, ma purtroppo non è andata così! ç_ç anche se il proiettile non l'ha preso comunque e Katou ha prontamente ringraziato il pelo miracoloso. That's the power of love"!
Fun Fact 2: ho scoperto che nell'antico Giappone, i puli pubici delle giovani vergini erano considerati portafortuna. Di certo Iwaki non rientra proprio nel profilo di "fanciulla vergine", ma Katou lo paragona alla Vergine Maria (altro momento topico) quindi ormai....!
Comunque nel post che ho linkato viene detto che è una pratica così sconosciuta anche a molti giapponesi. Quindi resta inquietante.
L'ho dovuta tagliare per decenza... XD
4. Cari mamma e papà, oggi sono uscito a fare la spesa e mi sono sposato.
Il matrimonio negli USA. Questa scena sarebbe potuta essere davvero molto bella e romantica, se non fosse che questi due disagiati si sposano in America per dimostrare a una coppia di ricconi appena incontrati sull'aereo che il loro è vero amore.
La scena va più o meno così:
Coppia: "Per dimostrarci il vostro amore dovreste compiere un gesto significativo... sposatevi!"
Katou: "Ma anche no!"
Iwaki: "Perchè no!"
Qualche pagina dopo: 

"Scusate se vi abbiamo fatto sposare per sport,
ma avevamo scommesso!"
5. Tante, troppe... 
Qui si combattono la posizione: Katou che riceve e legge la lettera strappalacrime del padre in diretta; oppure un discorso agghiacciante che che coinvolge la nipotina di Iwaki e il timore di quest'ultimo che Katou possa portargliela via perchè è figo, ma il compagno lo rassicura dicendo che alla nipotina manca l'appendice che gli interessa. Ah, la nipotina è neonata comunque. E per completare l'opera, bombano facendo sentire tutto ai parenti al piano di sotto. <3 Anche la storia del(la?) regista e scrittore(trice?) Sawa, che propone roba a 4 e BDSM per scrivere i suoi romanzi, coinvolgendo il povero fidanzato-cugino traumatizzato è una chicca da non perdersi. Ce ne sarebbero tante altre, ma queste sono la mia top 5 allargata XD

Però voglio anche essere buona e inserire una TOP 5 dei momenti più carucci, tenerelli e che mi sono piaciuti di più insomma.


1. In Alive, quando Katou cerca di farsi adottare dalla famiglia dell'altro, non riuscendoci, perchè così possono rientrare nello stesso registro di famiglia. La cosa non va in porto, ma dopo una chiacchierata con smancerie connesse, Katou promette che userà la sua influenza per cambiare il Paese. Se la montagna non va da Maometto...! La scena era scherzosa, ma mi piacerebbe vedere un Katou che tiene fede al suo impegno in futuro! :P

Dai Katou, rendici fieri di te!
2. Le scenette domestiche di Katou e Iwaki che si comportano da persone normali, rendono bene l'atmosfera quotidiana di una coppietta affettuosa.

3. Il nipotino (di cui mi sforzo di dimenticare la genesi!) particolarmente affezionato a Iwaki è adorabile e mi piace il rapporto che si sta venendo a creare. Sperando che lo show business non si metta troppo di mezzo...


4. In generale l'arc in cui mettono in scena Fuyu no Semi è abbastanza carina e regala anche qualche piccola curiosità sul dietro le quinte di una produzione cinematografica.

5. Sempre parlando di quell'arc, il collega che diventa loro amico e poi finisce in ospedale per un incidente è un personaggio tenerissimo e lo voglio sempre in giro illeso d'ora in poi +_+.

Sono una persona cattiva, ma a me fa
troppo ridere quando Iwaki scoppia
a piangere a fontanella.
Per concludere: considero Haru wo Daiteita un capolavoro... del trash. Ma c'è quella volontà di fondo dell'autrice, unita all'ottima chimica tra i due protagonisti, che ai miei occhi gli fa guadagnare qualche punto. Se dovessi usare dei valori numerici, direi che la prima serie è un 6 e mezzo risicato (ovviamente nella mia scala di gradimento e tenendo presenti altri fattori come il disegno e la caratterizzazione dei personaggi) mentre Alive parte con un 7 e, se la Nitta è davvero cresciuta come spero, potrebbe fare anche di più! Cercherò di recuperare altro di questa autrice, perchè il suo stile soap operistico crea dipendenza XD anche se paradossalmente non è proprio una lettura veloce visto che parlano quanto dei giudici poveri!

La serie è edita in Italia dalla Magic Press con il titolo "Tra le braccia della Primavera", mentre sul canale Youtube della Yamato potete trovare gli oav di Haru wo e di Fuyu no Semi doppiati in italiano (anche molto bene!) con i titoli di "Giochi d'Amore" (ma perchè?!) e "Cicala d'inverno".

Vi saluto con l'opening ufficiale: 

13 commenti:

  1. Il sacro pelo \o/
    Mi devo ancora riprendere da "guarda l'amore che volevi distruggere"... sto ancora soffrendo lmao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato si sia lasciata sfuggire l'occasione di creare un pelo bionico indistruttibile :(
      Questa serie vale la lettura anche solo per quella scena LOL

      Elimina
  2. ADORO <3 <3 <3 Bellissima recensione Cle, l'ho letta volentieri e soprattutto ridendo così forte che quasi ho disturbato lo studio di mia madre (povera). Capisco cosa intendi con "E' una cagata trash ma qualche cosa carina ce l'ha e GLI VOGLIO BBENE" perché ho avuto un'esperienza simile con When a man loves a man, che a questo punto devi ASSOLUTAMENTE leggere. Anche io prima o poi leggerò questa, non mi sentirei bene con me stessa sapendo che mi perdo tale trashosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! E porgi le mie scuse a tua mamma XD
      La Nitta ha questo potere di farsi voler bene nonostante tutto, forse perchè traspare il suo impegno XD When a man loves a man conto di provarlo almeno! Di suo ho letto anche qualche volume unico e avevo iniziato Koe no qualcosa (quello sui doppiatori insomma) e mi ha annoiata perchè non c'era nessuna chicca trash e la storia non mi prendeva affatto :(
      So che adorerai Haru wo! Ci metto la mano sul fuoco XD

      Elimina
    2. WAMLAM era abbastanza trash, da quel che ricordo! Purtroppo però l'ho letto un'infinità di tempo fa (come sono vecchia...) e nel dettaglio non mi viene in mente nessuna situazione specifica. Haru Wo prima o poi lo leggo, sicuro XD

      Elimina
  3. Bellissima recensione! :D
    Come sai, Haruita è uno dei miei manga preferiti e sono contenta che, in fin dei conti, sia piaciuto anche a te. Sono d'accordo sullo stile da telenovela e anche sul fatto che Iwaki sia una fontana umana ('sto pover'uomo è sempre in lacrime, sul serio!), meno sul fatto che sia così trash... soprattutto la parte sul matrimonio, quella no! XD D'accordo, sì, magari ci arrivano in una maniera un po' rocambolesca, ma è anche una scena tanto romantica...no? Dici che sono troppo di parte? XDDD

    Il sequel invece devo ancora recuperarlo. Per me la storia di Iwaki e Kato poteva concludersi con Haruita e per questo non ho ancora sentito il bisogno di leggerlo, ma prima o poi lo farò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :*
      Si vede che Iwaki ha una certa età (ne è convinto più che altro XD)... si commuove così spesso :P

      Sul fattore trash secondo me l'effetto nostalgia gioca tanto (lo dico per esperienza XD) però non c'è niente di male! La parte del matrimonio è una di quelle che più mi porta al bipolarismo galoppante, perchè il modo in cui ci arrivano per me è assurdo, ma ammetto che la scena dopo (quella post-cerimonia) è molto carina ^^

      Se ti è piaciuta tanto la serie originale, penso potrebbe piacerti anche Alive. C'è una rivelazione (molto da telenovela come al solito xD) piuttosto curiosa e sembra avere una trama e un approccio un po' più maturi ^^ Purtroppo però ho trovato pochissimo online.

      Elimina
  4. Condivido in pieno la tua opinione: sarà trash, con un impianto che definire soapoperistico è poco, ma alla fine a Kato e a Iwaki ci sia affeziona e si chiude un occhio sui tanti difettucci e assurdità della trama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa coppia penso sia la più riuscita tra le storie della Nitta che ho letto fino ad ora (che a dirla tutta non sono tantissime). Ho provato a leggere anche Boku no Koe ma mi ha annoiata tantissimo proprio perchè mancava quell'atmosfera soap trashona che mi aspettavo, sia perchè tra i personaggi c'era una chimica piuttosto scarsa :/

      Elimina
  5. Ahaha Oddeo che LOOOOL.
    La sorpresa alla "C'è posta per te" deve essere IL TOP ma anche il tizio posseduto dal fantasma :3
    Insomma, come hai detto tu, c'è davvero il TUTTO per fare una soap. Io credo la Nitta sia la prima autrice BL insieme a Kazuma Kodama ad aver scoperto ai tempi (ti parlo degli anni 2001 credo) e inizialmente pensavo erroneamente ovviamente, che fossero solo manga porno gay (16 anni fa non c'erano tutte queste info).

    Poi comprai L' equazione del professore della Kodama e mi piacque TANTISSIMO <3 Alla fine è una commedia molto anni '80, il disegno poi ad un certo punto cambia radicalmente perchè la rivista sui cui era serializzato falli' e quindi rimase in stand by per molti anni. Purtroppo in Italia, dei 10 volumetti ne sono stati pubblicati 8....(no comment interrompere una serie a 2 SOLI VOLUMI dalla fine, rispetto per i lettori zero) cosi ho dovuto comprare gli ultimi in inglese. Dovrei pero' rileggerla!

    Scusami, alla fine invece di commentare Haru ti ho scritto i miei primi approcci al mondo BL XD il fatto è che appunto la Nitta è stata una delle prime e so che questo Haru è uno dei piu' richiesti. Spero per le fan che la Magic Press si muovi , se non erro al massimo pubblica 2 volumi l'anno.

    Come sempre ottima e LOLLOSA recensione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille <3 sono contenta che questo post vi sia piaciuto!
      Tutto sommato capisco perchè la Nitta abbia così tanti fans, contando che molto è giocato dall'effetto nostalgia. Diverse persone mi hanno detto che fino a qualche anno fa era una delle autrici che più aveva "iniziato" a questo genere ^^
      L'equazione del professore lo conosco di nome ma non l'ho mai letto... magari gli darò un'occhiata appena posso ;)

      La Magic Press ha fatto un bel colpo pubblicando Haru, peccato però che la pubblicazione lentissima stia ingarbugliando quello che sarebbe stato (almeno penso eh) un bel successo editoriale per questo genere.

      Elimina
  6. La recensione mi è piaciuta tantissimo!!!
    ...il problema è che adesso io VOGLIO tutti i 14 volumi...
    Complimenti davvero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!! *_*
      Ahah se li trovassi a poco e potessi usufruire del trucco dei soldi di The Sims, confesso che li prenderei anche io xD
      I primi o 4 o 5 sono editi dalla Magic Press comunque ;D

      Elimina